Per comunicare agli altri, comincia da te. Note sul Personal Branding - Bake Agenzia di Comunicazione

Per comunicare agli altri, comincia da te. Note sul Personal Branding

27 settembre 2018, di ilaria.forniti

Vi siete mai chiesti perché dovrebbero assumervi?
Perché dovrebbero seguirvi sui Social Media?
Insomma, quali sono le qualità per cui vi differenziate?

Questo è il primo passo per costruire un’immagine di sé veramente efficace.
Riccardo Scandellari, esperto di Personal Branding, consiglia di partire proprio da se stessi, individuando i punti di forza e le qualità che si sanno di possedere per regolare la propria voce in rete. Le persone vogliono ascoltare qualcuno di cui fidarsi, che sia sincero, onesto e rispettoso. Quindi, è necessario partire dalla conoscenza di se stessi e dei propri obiettivi per scegliere gli strumenti giusti da utilizzare.

Pensiamo a Grom, che ha conquistato il mondo con la sua “imperfezione”, concentrandosi sulla percezione dei consumatori come una dolce eco del passato, quando la qualità era nella semplicità delle cose. Grom sa di essere vero, artigianale e ha fatto si che il consumatore, mangiando un gelato, abbia la sensazione di appropriarsi della tradizione, di cedersi una pausa salutare e genuina, perché è questo che dichiarano gli ingredienti naturali e le coppette sostenibili, “far star bene”.

Ma nessun dialogo ha buon fine, se non si sa a chi si vuol parlare. Conoscere le caratteristiche del proprio pubblico di riferimento è altrettanto fondamentale, non si può pensare di parlare a “casaccio” e di essere ascoltati, bisogna scegliere un segmento di mercato che rispecchia i propri obiettivi, affinché sforzi e scelte siano direzionati in modo ben preciso. Identità e ascolto, uniti alla conoscenza, generano contenuti capaci di creare percezioni in chi ci ascolta, che nel marketing, sono più importanti della realtà, “perché influenzano il comportamento d’acquisto dei consumatori”. (Philip Kotler)

Sulla Rete le persone cercano persone, per questo è importante essere empatici, comprendere le emozioni degli altri, essere energici ed uscire dalla propria comfort zone. I lettori non sono disposti ad ascoltare chi si lamenta, né a cedere like solo perché gli viene richiesto in modo martellante nei commenti, e soprattutto, non si fideranno mai di chi parla senza pensare. La tecnica e le strategie servono per modulare le proprie conversazioni con mezzi e modi giusti. I mezzi di cui disponiamo sono numerosi e ognuno ha le proprie peculiarità, ad esempio il Blog è lo spazio più adatto per avere una propria identità e immagine meno vincolata dai format dei Social Media. Una volta chiarito chi siamo e dove vogliamo andare, apprese le tecniche e le strategie, si può iniziare a parlare e a stringere relazioni con il proprio pubblico. Non importa quante esse siano, ma che siano di qualità, che chi ci ascolti abbia veramente voglia di farlo, perché lo scopo della comunicazione rimane quello di trasmettere qualcosa a qualcuno.

Se sei interessato ai temi legati al Personal Branding, puoi iscriverti al workshop “Fai di te stesso un Brand” di Riccardo Scandellari che si terrà a Roma, il prossimo 5 Ottobre.
Per tutte le informazioni, clicca qui.

Riccardo Scandellari inizia il lavoro sul web nel 1998, creando siti Internet per aziende. Nel 2005, passa dalla grafica all’informazione e fonda due quotidiani online. Durante questo percorso, intuisce il potere del Personal Branding e delle opportunità ad esso connesse. Nel 2012, fonda insieme a Rudy Bandiera NetPropaganda. Oggi è blogger, Digital Marketer e giornalista. Docente per master universitari e aziende. Autore dei libri “Promuovi te stesso”, “Fai di te stesso un Brand”, “Net Branding” e “Rock’n’Blog”.

Roma, 9°
Londra, 6°
Berlino, 2°
New York, 2°
Tokyo, 6°