Marketing e Gaming: la relazione che non ti aspetti - Bake Agency

Marketing e Gaming: la relazione che non ti aspetti

7 Settembre 2021, di bake

Che cos’è il gaming e come le aziende fanno marketing grazie a questa pratica.

Con gaming si intende l’atto di giocare ai videogiochi che, soprattutto negli ultimi anni, rappresenta una realtà molto utile alle aziende che decidono di adottare l’ingame advertising come strategia di marketing per farsi conoscere. 

Il gaming è un’attività molto diffusa e non solo tra i giovanissimi come spesso si pensa. Secondo alcuni dati, una buona parte della popolazione mondiale (circa 2,7 miliardi di persone) gioca ad almeno un videogame, sia esso sullo smartphone, sul PC o su una console. 

Grazie allo sviluppo di internet, il gaming è diventato social e, quindi, i gamer non solo giocano ma entrano anche in contatto tra loro e interagiscono con altri utenti e con i brand

Ma qual è il motivo principale che spinge i brand a servirsi di questa pratica? Sicuramente la possibilità di raggiungere un’audience, e quindi potenziali clienti, che non è facile intercettare attraverso strategie di marketing più tradizionali come gli spot televisivi o radiofonici.

marketing gaming

Marketing e Gaming: come le aziende sfruttano l’in-game advertising

Quando si parla di in-game advertising si intende il processo con il quale le aziende inseriscono all’interno dei videogiochi il proprio marchio o i propri prodotti in modo da sfruttare il videogame stesso per la propria campagna di marketing.

Esistono diverse tipologie di in-game advertising:

marketing gaming

 

I vantaggi dell’In-game advertising

Rispetto alla pubblicità tradizionale (stampa, tv e radio) che spesso viene evitata dall’ascoltatore, quasi infastidito da essa, la pubblicità nei videogiochi presenta diversi vantaggi:


Nel corso degli ultimi anni, l’in-game advertising si è rivelata una strategia vincente: già nel 2010 uno studio di Nielsen stimava che per ogni dollaro investito ci fosse un ritorno di 3,11 dollari.
Ma è soprattutto nel 2020 che il successo di questa tipologia di adv ha visto un notevole aumento anche a causa dei vari lockdown durante i quali è aumentata significativamente la vendita di videogiochi così come c’è stato un aumento nei download di app di gaming sia gratuite che a pagamento.
Sicuramente è una strategia che funziona e su cui le aziende continueranno ad investire soprattutto dal momento in cui sempre più le pubblicità sono inserite come se fossero parte integrante del gioco e non sono viste come mere interruzioni fastidiose ed invadenti. 

 

Vuoi saperne di più sull’in-game advertising e scoprire se è una buona strategia da adottare per il tuo brand? Contattaci! Noi di Bake Agency siamo pronti ad ascoltarti ed aiutarti. 

Roma, 23°
Londra, 15°
Berlino, 12°
New York, 27°
Tokyo, 25°