Comunicazione al tempo del coronavirus - Bake Agenzia di Comunicazione

La comunicazione al tempo del coronavirus

26 Marzo 2020, di bake

5 consigli per comunicare durante un’emergenza sanitaria

Soprattutto in tempo di emergenza sanitaria comunicare bene è indispensabile. Che tu sia un piccolo negozio o una grande impresa è necessario che tutti i tuoi stakeholder siano informati sulle tue attività, sulle difficoltà che stai affrontando e sulle soluzioni che stai mettendo in pratica.
La comunicazione al tempo del coronavirus dovrebbe rispondere a domande quali: sei ancora in attività? Se sì, con quali orari e con quali modalità? Quali precauzioni sono state prese per proteggere i dipendenti? A queste e a molte altre possibili domande, però, bisogna rispondere con molta attenzione. Il periodo che stiamo vivendo, infatti, è estremamente delicato, con leggi che cambiano di giorno in giorno, migliaia di malati e situazioni di estrema difficoltà. Per questo una parola fuori posto o la foto sbagliata potrebbero urtare la sensibilità dei tuoi follower e farli arrabbiare.

Ecco quindi 5 consigli per gestire la tua comunicazione durante l’emergenza coronavirus!

 

1. Sfrutta il real time marketing

Ovviamente fare finta di niente non può essere una soluzione. Continuare a pubblicare come se non fossimo in piena emergenza globale potrebbe non coinvolgere a sufficienza i tuoi follower e i tuoi post potrebbero perdersi nella folla. Adatta tutti i tuoi contenuti, rileggi e modifica i post che avevi già programmato. Anche una piccola aggiunta, infatti, può cambiare completamente il significato del tuo post, rendendolo più attuale.

Un altro consiglio per sfruttare il real time marketing è quello di tenere sempre d’occhio le tendenze del momento. Dall’inizio dell’emergenza si sono generati online numerosi hashtag e fenomeni di rilevanza nazionale o addirittura globale. Sfruttarli può dare visibilità al tuo brand e dimostrare a chi ti segue il tuo coinvolgimento. Le attività in balcone, gli hashtag #iorestoacasa, #andràtutobene e #distantimauniti sono tutti esempi di trend utili per la tua attività.
Per esempio Publica, scuola ANCI per giovani amministratori, ha declinato l’hashtag #distantimauniti invitando corsisti ed ex corsisti a unirsi virtualmente per creare la bandiera italiana.

Foto del profilo Instagram @publica.anci

2. Non generare allarmismo

Voler informare i tuoi follower sull’emergenza è un desiderio comprensibile e ammirevole, ma attenzione a non cadere nella trappola delle fake news!
Quando condividi informazioni sui tuoi canali di comunicazione fai in modo di diffondere solo notizie provenienti da fonti ufficiali. Come ogni altro fenomeno, infatti, anche la comunicazione durante l’emergenza coronavirus ha visto la creazione di notizie false diffuse sui social o inviate su Whatsapp.
Ricondividere notizie non veritiere può essere molto pericoloso per la tua credibilità online e può generare allarmismo ingiustificato tra i tuoi follower.

 

3. Usa il giusto tone of voice

Non solo non generare allarmismo, ma fai in modo di tranquillizzare chi ti segue sia attraverso le news che condividi, sia attraverso le parole che usi. In un momento difficile come questo, infatti, promuovere speranza e positività può essere un elemento vincente.

Quando scrivi il testo dei tuoi post cerca di trovare le parole migliori, il giusto tone of voice, sdrammatizza e porta il buonumore fra i tuoi follower.

 

4. Concentrati sull’online

È arrivato il momento di diventare più digitali che mai!
Con la chiusura della maggior parte dei negozi fisici è il momento di puntare sul tuo e-commerce. Se ne hai uno ricordalo ai tuoi clienti e incentivali a usarlo con sconti e promozioni. In questo periodo avere una presenza online può essere fondamentale per non farti dimenticare dai tuoi clienti. Se non offri alcun servizio online potrebbe essere arrivato il momento di reinventarti!
Molti brand stanno condividendo risorse online in modo gratuito. Lo fanno sia per dimostrare vicinanza al resto della popolazione che, ovviamente, per promuovere i propri servizi e prodotti.
Prova a pensare a cosa potresti offrire ai tuoi clienti! Noi di Bake Agency, per esempio, abbiamo deciso di offrire una consulenza gratuita a chi cerca una strategia ad hoc per continuare la propria attività anche online.

 

5. Non dimenticare i tuoi dipendenti

In un momento così delicato anche dal punto di vista economico non devi dimenticarti di comunicare con i tuoi dipendenti. Cerca di fornire tutti i chiarimenti necessari sulle nuove modalità di lavoro, sui rischi e sulle precauzioni necessarie. Dipendenti soddisfatti portano ad avere clienti soddisfatti!

 

La Bake è sempre operativa e disponibile ad aiutarti con le tue strategie di comunicazione, soprattutto in un periodo delicato come quello che stiamo attraversando. Contattaci, siamo qui per te!

Roma, 26°
Londra, 18°
Berlino, 19°
New York, 28°
Tokyo, 24°