La Francia in Scena, a Villa Medici in scena fumetto e musica per una magia notturna. - Bake Agenzia di Comunicazione

La Francia in Scena, a Villa Medici in scena fumetto e musica per una magia notturna.

4 ottobre 2018, di Massimiliano

Il 4 ottobre, nella cornice di Villa Medici a Roma, sede dell’Accademia di Francia a Roma, una serata che vedrà due momenti topici: alle 19 Disegnare la città, un’esplorazione grafica di Roma con il disegnatore Miles Hyman, alle 20.30 un concerto-spettacolo “disegnato” in diretta con il fumettista François Olislaeger, artista visivo e performer grafico, e Gaspar Claus, uno dei musicisti più eclettici e creativi della scena contemporanea.

Ce qui tremble et brille au fond de la nuit noire è un concerto disegnato in diretta che accoglie la sfida di associare l’arte grafica e narrativa dei fumetti alla musica.
François Olislaeger, che ha firmato tra l’altro la campagna di comunicazione di questa edizione de “La Francia in scena” fa dialogare il proprio universo creativo non solo con il teatro ma anche con la danza (grazie alla collaborazione con la coreografa Mathilde Monnier, da cui sono nati un fumetto, uno spettacolo per il Festival Montpellier Danse e un film d’animazione) e con l’arte del Novecento, nella biografia disegnata di Marcel Duchamp.

Inserita nella sezione Bibliothèques vivantes (la programmazione della Francia in scena che crea un legame fra lo spettacolo dal vivo e l’universo del libro) le performance multimediale Ce qui tremble et brille au fond de la nuit noire (C’è chi trema e brilla nel fondo della notte scura) è un viaggio onirico in cui ogni tappa è una sorpresa fondata sulla metamorfosi. Il pubblico, un violoncellista la cui ombra viene proiettata su un grande schermo e, sul lato del palco, un disegnatore che crea una storia e un mondo in un delicato bianco e nero, sono gli elementi di un dispositivo magico attraverso il quale i due artisti fondono l’immaginario dei loro rispettivi strumenti in un altrove in cui l’udito e la vista diventano una percezione unica.

I due artisti saranno insieme il 4 ottobre a Villa Medici, il 9 ottobre all’Institut français di Napoli e l’11 ottobre all’Institut français di Firenze, tre imperdibili e preziosi appuntamenti per scoprire la poesia visiva dell’artista francese e la musica di un violoncellista in grado di passare dalla musica contemporanea al flamenco, dal pop all’elettronica.

François Olislaeger è disegnatore, fumettista e performer grafico. Vive attualmente tra Parigi e il Messico. Dal 2005, collabora regolarmente come disegnatore per la stampa (Libération, Les Inrockuptibles, Beaux-Arts magazine, Charlie Hebdo, Transfuge, le JDD, Le Soir, Internazionale) ed è autore dei reportage disegnati su TOC. Dopo aver illustrato per sette anni le giornate del Festival d’Avignone, pubblica nel 2013 Carnets d’Avignon (Actes Sud/Arte éditions). Nello stesso anno, dal suo incontro con la coreografa Mathilde Monnier, nasce il fumetto Mathilde, danser après tout (éditions Denoël Graphic), lo spettacolo Qu’est-ce qui nous arrive?!? creato per il Festival Montpellier Danse e il film d’animazione Lenz, coprodotto da LUX, dove i due hanno fatto ancora una volta dialogare la danza e il fumetto. Dopo aver toccato la danza e il teatro, Olislaeger realizza la biografia di Marcel Duchamp Un petit jeu entre moi et je (Actes Sud). Nel 2017 è invitato dal Pulp Festival de la Ferme du Buisson e realizza una mostra interattiva: Ernest ou la quatrième dimension. Olislaeger è attualmente in tournée in Francia con dei concerti disegnati assieme a Mathieu Boogaert e David Prudhomme.

Gaspar Claus è un violoncellista versatile, improvvisatore eclettico e creativo che passa con disinvoltura dalla musica contemporanea al flamenco e al pop moltiplicando le collaborazioni con artisti del calibro di Rone, Pedro Soler, Serge Teyssot-Gay, Vincent Segal o Barbara Carlotti. Con i violinisti Carla Pallone e Christelle Lassort forma il trio Vacarme, che accompagna Rover o Stranded Horse. Da La nuit blanche del 2017 alla Philharmonie de Paris, dalla colonna sonora di Makala, film di Emmanuel Gras ai DJ set…tutto quanto passi tra le sue mani si trasforma in un esercizio di rottura delle frontiere.

Roma, 9°
Londra, 6°
Berlino, 3°
New York, 2°
Tokyo, 7°